Feyerabend, Guénon

(segue testo in italiano, click qui)

In writing this post (and the whole blog), I have two types of persons in mind: my colleagues scientists, who work as professionals in this or the other field of science, and people who see scientific research from outside, let’s call them “laymen”. My goal is to write for both this types of persons, and to say something interesting and useful for both.
In this post I want to mention two authors who were on the same tracks of what I want to express in the blog.

The first is Paul Karl Feyerabend, who has been a philosopher of science, and professor of philosophy at the University of California, Berkeley between 1958 and 1989.
His ideas about science and scientific research may be summarized as “epistemological anarchism”.
Here are some excerpts from his essay “Against method” [1].

«Science is an essentially anarchic enterprise: theoretical anarchism is more humanitarian and more likely to encourage progress than its law-and-order alternatives.»

«The consistency condition which demands that new hypotheses agree with accepted theories is unreasonable because it preserves the older theory, and not the better theory. Hypotheses contradicting well-confirmed theories give us evidence that cannot be obtained in any other way. Proliferation of theories is beneficial for science, while uniformity impairs its critical power. Uniformity also endangers the free development of the individual.»

From those excerpts we again have a glimpse of the faults of modern science. Once we scratch the paint on the surface of it, which gives us this feeling that its goal is our well-being, and the improvements of our lives, we can look at its inner working, and we get a different feeling.

Feyerabend helps us to see the “sociology of science” that is hidden behind the myth of its infinite progress.

Science is something done by people, and those people have their sociology, i.e. their relationships, their goals and their emotional reactions. So, Feyerhabend helps us to see how the same things that happen in our society, i.e. the powerful elite imposing their violence on others, happens also in science, under the nice superficial image of “the efforts for the progress of humanity”.

About this sociological side of science, Feyerhabend takes the example of Galileo Galilei himself, considered as the father of the modern scientific method. After a detailed analysis of the texts, he shows how Galilei has used in his work techniques that are more similar to politics, to emotional engineering, and that try to convince the reader using social and emotional references, rather than giving objective and scientific proofs based on the observation of natural phenomena [1, chapter 7].

I have not finished to read “Against method”, and I will write more about it while I read it.

The second author I want to mention is René Guénon, and here I will briefly mention two of his essays: “The realm of Quantity and the Signs of Times” [2] and “The Metaphysical Principles of the Infinitesimal Calculus” [3].
A good part of the work of Guénon can be described as a critique to modernity. If you think this comes just from some nostalgia of ancient times, something an old man may feel when he thinks about his youth, you would be very wrong. Guénon’s work is a very careful and deep analysis of the disfunctional culture of modernity, trying to isolate and understand the roots of its problems. If you know Pierpaolo Pasolini, you may have an idea of Guénon’s approach.
In the first essay Guénon tells us that one root cause of our society’s dysfunctions is the excessive importance given to quantitative thinking, and to represent reality mostly in terms of quantity.
Here is an excerpt:

«Among the features characteristic of the modern mentality, the tendency to bring everything down to an exclusively quantitative point of view will be taken from now on as the central theme of this study. This tendency is most marked in the ‘scientific’ conceptions of recent centuries; but it is almost as conspicuous in other domains, notably in that of social organization- so much so that, with one reservation the nature and necessity of which will appear hereafter, our period could almost be defined as being essentially and primarily the ‘reign of quantity’.» [2, introduction].

The other essay, “The Metaphysical Principles of the Infinitesimal Calculus”, is about Leibnitz’s ideas which lead to one of the most advanced tools of modern science, which is at the basis of most mathematics and physics.

This essay is focussed on a more specific subject, and it gives a good example of the problematic use of mathematics done by modern science.
Indeed, scientists tend to focus mostly on the internal consistency of mathematical statements, and if all the steps of the proof of some theorem are correct. In this way they tend to neglect the first steps, as that of connecting a certain physical object or parameter to a mathematical variable, or the initial assumptions, the axioms, the foundational principles, which then start the whole mathematical “clockwork”.

Also in the case of Guénon, I have only started to read him, and I have to admit that to read his dense language takes time. I will write more about his work while I will progress in reading it.

I already find interesting that someone made an effort in looking for the roots of our modern problems. I guess that Guénon tries to look at our culture as a whole, finding the common traits as “western culture”, and also as the “modern culture”, putting it in perspective in time.
As an example of this point of view of “perspective in time”, we can consider the idea that modern science is the apex, the ultimate result of human evolution. We generally give for granted this idea, and we have the perception that it is an obvious idea, and it has always been present in our culture. But we can learn that it is not true if we look at western culture in perspective over time. There have been periods (e.g. the Renaissance) in which the wisdom of the past was considered as a reference, and the idea of a linear constant progress of knowledge was not at all considered true.

We can convince ourself that something with our scientific culture is wrong if we consider the huge damage to our emotional life as humans, or the big ethics conflicts or the damage to the health and the integrity of life on our planet, all coming from some kind of scientific “progress”.

In conclusion, both Feyerhabend and Guénon help us to question the value of modern science and its achievements as an absolute value.
Both authors make the effort to analyze our scientific culture, to find the early roots of the present failures, and help us to overcome the myth that “modern” and “scientific” are only positive concepts.

Of course, this is not to say that they are negative! I believe that this can be constructive criticism, and it can fix the problems with the modern scientific culture, and improve it, so to overcome its evident failures. We can make it so that the values and the goals of the well-being of humanity, the environment, and the whole planet can be again considered as important refence points.

Bibliography

[1] Paul Feyerabend, “Against Method: Outline of an Anarchistic Theory of Knowledge”, Verso, third edition (1993).
[2] René Guénon (transl. Lord Northbourne), “The Reign of Quantity and the Signs of the Times”, Sophia Perennis, 4th revised edition (2004). Original edition: “Le règne de la quantité et les signes des temps”, Gallimard (1945).
[3] René Guénon, “The Metaphysical Principles of the Infinitesimal Calculus”, Sophia Perennis (2004). Original edition: “Les principes du calcul infinitésimal”, Gallimard (1946).

(If you want to leave a comment and stay anonymous, please feel free to use a pseudonym and a fake email.)

—————————————————————————

Italiano.

Nello scrivere questo post (e lo stesso vale per tutto il blog), ho in mente due tipi di persone: miei colleghi ricercatori, che svolgono un’attività professionale in questo o quel campo scientifico, e persone che vedono la scienza dall’esterno, chiamiamoli per così dire “laici”. Il mio scopo è di scrivere per entrambi questi tipi di persone, e di dire qualcosa di interessante ed utile per entrambi.

In questo post voglio parlare di due autori che sono in sintonia con quello che vorrei esprimere nel blog.

Il primo è Paul Karl Feyerabend che è stato un filosofo della scienza, professore di filosofia all’Università della California, Berkeley, dal 1958 al 1989.

Le sue idee sulla scienza e la ricerca scientifica si possono riassumere nella definizione di “anarchismo epistemologico”.

Ecco alcuni brani presi dal suo saggio “Contro il metodo” [1].

«La scienza è un attività essenzialmente anarchica: l’anarchia teorica è più umanistica ed è più probabile che incoraggi il progresso, rispetto alle sue alternative pro-regole.» (mia traduzione libera)

«La condizione di coerenza che richiede che le nuove ipotesi siano in accordo con le teorie accettate è irragionevole perché essa protegge la teoria più vecchia, e non la teoria migliore. Le ipotesi che contraddicono delle teorie ben stabilite ci danno evidenze che non potrebbero essere ottenute in nessun altro modo. La proliferazione di teorie è benefica per la scienza, mentre l’uniformità indebolisce il suo potere critico. L’uniformità mette anche in pericolo il libero sviluppo dell’individuo.» (mia traduzione libera)

Da questi brani abbiamo un’idea dei guasti della scienza moderna. Una volta che grattiamo via la vernice dalla superficie, che ci da l’impressione che il suo scopo sia il nostro benessere, e il miglioramento delle nostre vite, possiamo dare un occhiata ai suoi meccanismi interni, e potremo avere un’impressione diversa.

Feyerabend ci aiuta a vedere la “sociologia della scienza” che si nasconde dietro il mito del progresso infinito.

La scienza è una impresa umana, fatta da persone, e queste persone hanno le loro dinamiche sociologiche, cioè le loro relazioni interpersonali, i loro scopi, e le loro reazioni emotive. Dunque, Feyerabend ci aiuta a vedere come le stesse cose che succedono nella nostra società, cioè l’elite di potere che impone la sua violenza sugli altri, succedono anche nella scienza, al di sotto della bella immagine di superficie de “gli sforzi per il progresso dell’umanità”.

Riguardo questo lato sociologico della scienza, Feyerabend prende come esempio lo stesso Galileo Galilei, considerato il padre del metodo scientifico moderno. Dopo un’attenta analisi del testo, egli mostra come Galilei ha usato nel suo lavoro delle tecniche che sono più simili alla politica, alla manipolazione emotiva, e che cercano di convincere il lettore usando riferimenti sociali ed emotivi, anzicché dando dimostrazioni oggettive e scientifiche basate sull’osservazione dei fenomeni naturali [1, cap. 7].

Anche nel caso di “’Contro il metodo”’ ho solo cominciato a leggerlo, e ne scriverò ancora man mano che lo leggo.

Il secondo autore di cui voglio parlare è René Guénon, e qui voglio brevemente parlare di due suoi saggi: “Il regno della quantità e i segni dei tempi” [2] e “I princìpi del calcolo infinitesimale” [3].

Buona parte del lavoro di Guénon può essere descritta come una critica alla modernità. Se pensate che si tratta di una forma di nostalgia per i tempi passati, qualcosa che una persona anziana può provare pensando alla sua gioventù, vi sbagliereste di grosso. Il lavoro di Guénon è un’analisi attenta e approfondita dei guasti della cultura moderna, che cerca di isolare e capire le radici dei suoi problemi. Se conoscete Pierpaolo Pasolini , potete avere un’idea dell approccio di Guénon.

Nel primo saggio Guénon ci dice che una delle cause di fondo dei problemi della nostra società è l’importanza eccessiva data al pensiero quantitativo, ed alla tendenza a rappresentare la realtà per lo più in termini di quantità.

Ecco un estratto:

«Fra i tratti caratteristici della mentalità moderna, e come argomento centrale del nostro studio, prenderemo subito in esame la tendenza a ridurre ogni cosa al solo punto di vista quantitativo, tendenza talmente radicata nelle concezioni “scientifiche” degli ultimi secoli, e reperibile d’altronde altrettanto nettamente negli altri campi, come ad esempio quello dell’organizzazione sociale, da permettere quasi di definire la nostra epoca, salvo una restrizione la cui natura e necessità appariranno in seguito, essenzialmente e innanzi tutto come il “regno della quantità”». [2, introduzione]

L’altro saggio, “I principi del calcolo infinitesimale”, tratta delle idee di Leibnitz che hanno portato ad ad uno degli strumenti più avanzati della scienza moderna, che è la base di gran parte della matematica e della fisica.

Questo saggio è centrato su un argomento più specifico, e fornisce un buon esempio dell’uso problematico che la scienza moderna fa della matematica.

In effetti i ricercatori tendono a concentrare la loro attenzione sopratutto sulla coerenza interna delle affermazioni di tipo matematico, e sull’assicurarsi che tutti i passi logici della dimostrazione di un qualche teorema siano corretti. In questo modo si tende a trascurare i passaggi iniziali, come quello di legare un certo oggetto o parametro fisico ad una variabile matematica, le ipotesi iniziali, gli assiomi, che danno poi l’avvio a tutto il “meccanismo” matematico.

Anche nel caso di Guénon, ho solo iniziato a leggerlo, e devo ammettere che leggere il suo linguaggio denso prende tempo. Scriverò ancora sul suo lavoro, man mano che continuo nella lettura.

Già trovo interessante che qualcuno si sia sforzato di cercare le radici dei nostri problem moderni. Credo che Guénon cerca di guardare alla nostra cultura nel suo insieme, cercando i tratti comuni in quanto “cultura occidentale”, e anche come “cultura moderna”, mettendola in prospettiva nel tempo.

Come  esempio di questo punto di vista di “prospettiva nel tempo”, possiamo considerare l’idea che la scienza moderna sia l’apice, il risultato ultimo dell’evoluzione umana. Noi diamo generalmente per scontata questa idea, e abbiamo la percezione che sia un’idea ovvia, che sia sempre stata presente nella nostra cultura. Ma possiamo sapere che questo non è vero se guardiamo alla cultura occidentale in prospettiva nel tempo. Ci sono stati periodi (ad esempio il Rinascimento) in cui la saggezza del passato era considerata come un riferimento, e l’idea di un progresso costante e lineare della conoscenza non era perniente considerata vera.

Ci possiamo convincere che qualcosa non va nella nostra cultura scientifica se consoideriamo gli enormi danni alla nostra vita emotiva come esseri umani, oppure i grossi conflitti etici, oppure i danni alla salute e all’integrità della vita sul nostro pianeta, tutti provenienti da un qualche tipo di “progresso scientifico”.

In conclusione, sia Feyerabend che Guénon ci aiutano a mettere in discussione la scienza moderna e i suoi traguardi intesi come valori assoluti. Entrambi gli autori si sforzano di analizzare la nostra cultura scientifica, per trovare le radici iniziali dei fallimenti presenti, e ci aiutano a superare il mito che “moderno” e “scientifico” siano concetti unicamente positivi.

Naturalmente, questo non significa che essi siano negativi! Io credo che questa più essere una critica costruttiva, e che può aggiustare i problemi della cultura scientifica moderna, e migliorarla, in modo da superare i suoi evidenti fallimenti. Possiamo fare in modo che i valori e gli scopi del benessere dell’umanità, dell’ambiente naturale, e dell’intero pianeta tornino ad essere importanti punti di riferimento.

Bibliografia

[1] Paul Feyerabend (trad. L. Sosio), “Contro il metodo: abbozzo di teoria anarchica della conoscenza”, Feltrinelli, Milano (2002). Edizione originale: “Against Method: Outline of an Anarchist Theory of Knowledge” Minnesota Center for Philosophy of Science (1970).

[2] René Guénon (trad. Pietro Nutrizio, Tullio Masera), “Il regno della quantità e i segni dei tempi” Adelphi, (1982). Edizione originale: “Le règne de la quantité et les signes des temps”, Gallimard (1945).

[3] René Guénon (trad. Pietro Gori), “I principi del calcolo infinitesimale”, Adelphi (2011). Edizione originale: “Les principes du calcul infinitésimal”, Gallimard (1946).

(Se volete lasciare un commento e rimanere anonimi, sentitevi liberi di usare uno pseudonimo e una email fasulla.)

2 thoughts on “Feyerabend, Guénon

  1. “Dopo un’attenta analisi del testo, egli mostra come Galilei ha usato nel suo lavoro delle tecniche che sono più simili alla politica, alla manipolazione emotiva, e che cercano di convincere il lettore usando riferimenti sociali ed emotivi, anzicché dando dimostrazioni oggettive e scientifiche basate sull’osservazione dei fenomeni naturali”

    Trovo questa affermazione interessante e degna di approfondimento. Ho in mente due cose:
    1) Galileo conduce il suo lavoro con dimostrazioni scientifiche e osservazione obiettiva della natura, ma in determinati constesti utilizza delle tecniche più “emotive” e “sociali” per convincere il suo lettore.
    2) Galileo non conduce il suo lavoro con dimostrazioni scientifiche e osservazioni obiettive della natura e riposa solo su argomentazioni emotive.

    Io sono per l’interpretazione 1). Di per sé, questo non è male e a volte anzi necessario. Se invece il lavoro di Feyerabend punta sull’interpretazione 2), in linea di principio non sono d’accordo e bisognerebbe aprire un dibattito.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s